A+ A A-
 

Opera metal: ecco i tedeschi Molllust Opera metal: ecco i tedeschi Molllust Hot

Opera metal: ecco i tedeschi Molllust

recensioni

gruppo
titolo
Schuld
etichetta
autoprodotto
Anno

 

Track-list:

1. Ouvertüre

2. Sternennacht

3. Alptraum

4. Aufwind

5. Spiegelsee

6. Lied zur Nacht

7. Puppentanz

8. Tanz des Feuers

9. Erinnerungen

10. Schatten

11. Kartenhaus

 

 

Line-up:

Janika Groß (Voce, piano)

Frank Schumacher (Voce, chitarra elettrica)

Sandrine B. (Violino elettrico)

Lisa H. (Violoncello)

Johannes Hank (Basso)

Tommaso Soru (Batteria)

opinioni autore

 
Opera metal: ecco i tedeschi Molllust 2012-12-03 17:34:28 Ninni Cangiano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    03 Dicembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Molllust (avete letto bene, con 3 “L”) sono una band tedesca attiva, se non erro, da circa 2 anni dedita ad un genere particolarissimo che incrocia l’heavy metal con la musica operistica. “Tutto qui? Ed il symphonic metal?” potrebbe giustamente obiettare qualcuno; ma qui di symphonic metal, come lo si intende solitamente (per capirci, come lo suonano Rhapsody of Fire et similia), non c’è molto, direi anzi che rimane solo il concetto di fondo dell’unione tra il metal e la musica classica. Qui, infatti, immaginatevi un po’ di musica da camera con tanto di archi e pianoforte, cantata da una soprano accompagnata saltuariamente da un baritono (almeno così mi parrebbe la voce di Frank Schumacher), a cui si aggiungono i classici strumenti metal ad esaltare la componente drammatica delle composizioni. Uno stile, quindi, decisamente personale quello dei Molllust, estremamente teatrale e melo-drammatico che, a volerlo per forza catalogare, potremmo descrivere alquanto impropriamente “symphonic metal” o, forse, molto più avvedutamente “opera metal”, esattamente come lo definisce la stessa band. Questo “Schuld”, presentatomi in elegantissimo digipack a 3 ante (anche la bio è presentata in 3 eleganti volantini a colori!), costituisce il debut album di questo originalissimo gruppo che mi ha sorpreso in maniera estremamente positiva! E’ assurdo, infatti, come vengano prodotte da labels anche di un certo peso internazionale vere e proprie immondizie musicali, mentre gemme di simil splendore come i Molllust sono costrette all’auto-produzione pur di veder coronati i propri sogni in un cd! Ma questa è la dura legge del mercato, sempre più condizionato dai prodotti plastificati e massificati e, lasciatemelo dire, sempre più odiosamente ignorante! Ma torniamo a “Schuld” altrimenti ci facciamo tutti del fegato amaro... il disco è composto 10 brani, più una vera e propria ouverture (scarsa fantasia nell’intitolarla proprio così!), per poco più di ¾ d’ora di musica da ascoltare in quiete e rilassamento. Se dovessi scegliere qualche pezzo per indicarvi i miei preferiti, direi la veloce “Lied zur Nacht”, o la drammatica “Alptraum”, ma soprattutto “Schatten” che ricorda molto da vicino i Therion più lirici. Ecco, se proprio dovessimo cercare una band a cui accostare i Molllust, potrebbe avere un certo senso solamente il paragone con i Therion più recenti Se cercate violenza sonora o grugniti vocali, sappiate che nella musica dei Molllust non ve n’è traccia, qui ci sono solo melodie, gorgheggi e virtuosismi sonori e vocali (peccato che sia solo nell’ostico idioma tedesco!). Impossibile dunque rimanere indifferenti di fronte a questo disco, o si ama o si odia! Io rientro tra coloro che se ne sono innamorati e, se anche voi siete appassionati di certe sonorità e simili contaminazioni della musica metal, non potete ignorare questo album!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

ACE FREHLEY E' SEMPRE LUI!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dom Zły, un interessante debutto.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rites of Daath, l'origine di un culto?
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
My Regime: una carneficina totale direttamente dalla Svezia
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tanta roba questi Bigfoot!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

demo

Metal dalle forti influenze prog in questo interessante debutto degli Shade of Echoes
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Dead Medusa ed un EP con troppo minutaggio sprecato
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Interessante la proposta di Freddy Spera e del suo solo project Crejuvent
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo EP per i finlandesi Distress of Ruin
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stilema: folk metal lirico!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Demo per la One Man Band romena Vorus: in formato cassetta!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla