A+ A A-
 

Un autentico crocevia di stili e culture quello che si può ascoltare in questo secondo album dei Fabulae Dramatis. Un autentico crocevia di stili e culture quello che si può ascoltare in questo secondo album dei Fabulae Dramatis. Hot

Un autentico crocevia di stili e culture quello che si può ascoltare in questo secondo album dei Fabulae Dramatis.

recensioni

titolo
Solar Time's Fables
etichetta
Dooweet Records
Anno

Line up:

Wesley Beernaert – vocals

Daniel Dìaz Ordoñez – guitars

Hamlet – vocals, bass, guitars, keyboards, programming

Isabel Restrepo – vocals, sitar, harmonium, programming

Isadora Cortina – vocals, programming

Maxime Moreira - drums

 

Tracklist:

 

  1. Agni’s Dynasty (Fire I)
  2. Stone
  3. Heresy (Steel)
  4. Sati (Fire II)
  5. Sirius Wind
  6. Coatlicue Serpent Skirt (Earth)
  7. Nok Terracottas (Mud)
  8. Forest
  9. Roble para el corazón (Wood)
  10. Smoke for the Clouds (Ahuirán’s water)
  11. Barren (Gravel)

opinioni autore

 
Un autentico crocevia di stili e culture quello che si può ascoltare in questo secondo album dei Fabulae Dramatis. 2017-10-21 17:16:39 Virgilio
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Virgilio    21 Ottobre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Fabulae Dramatis si sono formati in Belgio nel 2011 e, dopo il loro album d’esordio, “Om”, pubblicato l’anno seguente, presentano adesso il loro secondo full-length, dal titolo “Solar Time’s Fables”. Già dalle prime note ci si può rendere conto di come si tratti di un disco che va decisamente fuori dagli schemi: la band, infatti, mescola stili completamente differenti, in un autentico crossover che sfugge a qualsiasi etichetta. Ecco che, dunque, persino all’interno di uno stesso brano, i Fabulae Dramatis si muovono con disinvoltura tra metal prog, avantgarde, folk metal, melodic death, gothic e chi più ne ha più ne metta. La band si sbizzarrisce anche con l’utilizzo delle voci, sia in chiaro (maschili e femminili), sia con cantato estremo e persino con cantato lirico. Ancora, viene fatto ricorso a strumenti particolari come la fisarmonica, il sax o il sitar. Insomma, quest’album dei Fabulae Dramatis diventa un autentico crocevia di stili e di culture, che si condensano in undici tracce davvero interessanti. Ogni brano è infatti un’autentica sorpresa, dove non si sa mai quello che può succedere e dove il tutto viene fatto convivere con assoluta naturalezza e lucidità, senza creare alcun effetto confusione (con tanta varietà il rischio era dietro l’angolo) e senza che vi siano forzature. A livello di testi, inoltre, la band si concentra su storie o fiabe, che rendono il lavoro ancora più intrigante. Disco molto bello ed originale, realizzato da una band che merita visibilità e attenzione.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Per i Nocturnus AD un debut album che sarebbe potuto andar bene trent'anni fa
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Phil Campbell: tanti ospiti per un disco nella norma.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Great Master, l'album della maturità
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Immanifest un debutto che sembra essere arrivato con qualche anno di ritardo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarà l'ultimo live-album della storia degli Slayer?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Seppur breve, convince l'EP dei californiani Larvae
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i britannici Itheist un debutto (col nuovo nome) senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per la tastierista dei Cradle of Filth: Martyr di Lindsay Schoolcraft!
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Convince il secondo album dei Prime Creation
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Buon debutto per i campani Jumpscare, ma attenzione al sound proposto
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Power metal melodico di gran fattura per gli spagnoli Arenia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla