A+ A A-
 

Un mix avvincente quello del self-titled dei Centuries Of Decay Un mix avvincente quello del self-titled dei Centuries Of Decay Hot

Un mix avvincente quello del self-titled dei Centuries Of Decay

recensioni

titolo
Centuries Of Decay
etichetta
autoprodotto
Anno

LINE UP
Devin Doucette - vocals, guitars
Rob McAllister - guitars, backing vocals
Anthony Zhura - bass
Derrick Doucette - drums  

TRACKLIST
1. Intro
2. Centuries of Decay
3. The Architect
4. Asylum
5. Odyssey
6. Wings of Death
7. Rise
8. Demise

 

opinioni autore

 
Un mix avvincente quello del self-titled dei Centuries Of Decay 2017-09-08 19:33:27 Graziano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Graziano    08 Settembre, 2017
Ultimo aggiornamento: 09 Settembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Centuries of Decay sono un gruppo canadese al proprio debut album. Sebbene il tiro ed il genere tendano verso l'estremo, il loro lavoro è impregnato di atmosfere progressive e piene di pathos, spaziando liberamente da atmosfere vicine al Modern Progressive, al Post-Metal, al Death e anche qualche punta di Black Metal.
Risulta anche difficile descrivervi a parole questo disco (intitolato semplicemente "Centuries of Decay"), data l'eterogeneità del lavoro. Abbiamo parti vicine ai Between the Buried and Me, parti alla Lamb of God, Gojira, riff vicini allo stile dei Meshuggah e alcune sperimentazioni dove il tocco "opethiano" si fa davvero evidente. Questo mix di influenze rende ancora più godibile e molto più interessante il tutto.
La cosa che mi è più piaciuta è la diversità delle varie canzoni, che mantengono una linea definita, ma non sono mai banali e scontate. Un gruppo davvero interessante che cerca di reinterpretare a suo modo quello che è il metal più spinto e sperimentale. Ovviamente essendo un debut album non tutto è filato liscissimo, ma devo dire che mi hanno stupito e non poco! Attendo con ansia l'evolversi di questo gruppo.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il primo disco degli Hatriot senza Steve "Zetro" Souza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Russia i Deva Obida, malinconici e melodici
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E' convincente il debutto dei francesi Dreamslave
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Twilight Force sono pronti a superare i loro maestri
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Holeum, Allaroundmetal recensisce in anteprima il nuovo disco della band spagnola!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

C'è molto da lavorare per i Rot Schimmel
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep di debutto per The Last Martyr, band australiana che suona un post hardcore melodico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Culloden ed una proposta anacronistica
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Infrared compiono qualche passo avanti
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla