A+ A A-
 

Psilocyde Larvae: sperimentazioni dalla Russia Psilocyde Larvae: sperimentazioni dalla Russia Hot

Psilocyde Larvae: sperimentazioni dalla Russia

recensioni

titolo
The labyrinth of penumbra
etichetta
Buil2Kill Records
Anno

 

Track-list:

1. Soul trekking

2. Haunting

3. Shining shambhala

4. Trial by fire

5. Into the labyrinth

6. Contemplation

7. Fortress of time

8. River of remembrance

9. No escape

 

 

Line-up:

Vit “Larv” Belobritsky: vocals/guitars/samples

Ilya “Alan” Piyaev: drums

Andrey “Luke” Lukashkov : guitars

Alex “Liga” Legotin: bass

Dmitry “Chaos” Orekhov: keyboards

opinioni autore

 
Psilocyde Larvae: sperimentazioni dalla Russia 2012-11-12 09:41:47 Ninni Cangiano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    12 Novembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli Psylocide Larvae arrivano dalla Russia, sono attivi da oltre un decennio e questo “The labyrinth of penumbra” è il loro quarto lavoro ufficiale, dopo l’esordio “Stigmata” del 2001, cui sono seguiti “Agony” nel 2003 e “Non-existence” nel 2008; mi auguro la band ed i propri fans mi perdonino ma, se non fosse stato per la Buil2kill Records (che ha pubblicato questo album), probabilmente avrei continuato ad ignorare l’esistenza di questa pur valida band. Gli Psylocide Larvae sono dediti ad un death metal molto sperimentale, con forti nfluenze dark e persino qualcosa di jazz-fusion, chiaramente ispirati da quanto hanno saputo fare maestri come Cynic ed, in minor misura, Aghora. Purtroppo, il limite di questa band, almeno per quello che ho avuto modo di ascoltare, a mio parere sta nel timore di osare e nel rimanere troppo ancorati ai classici stilemi death, il che li porta ad essere quel classico “ibrido” che è una via di mezzo e rischia di non “dare né di carne, né di pesce”... nel senso che chi, come me, adora i Cynic troverà interessanti questi Psylocide Larvae, ma non proprio convincenti; dall’altra parte, chi invece adora il death più classico, potrà trovare troppo “complicata” o cervellotica la musica di questa band. Stare sempre “al centro” e non schierarsi da una parte o dall’altra ha questo rischio, questa identità non troppo ben definita che non dispiace, ma non convince pienamente. Se musicalmente, infatti, abbiamo diverse interessanti sperimentazioni (prendere l’attacco di“Into the labyrinth” a titolo esemplificativo o l’intera “Fortress of time”, la migliore song del lotto!), la voce di Vit “Larv” Belobritsky è troppo legata al growling più cupo (quello adatto al death più estremo, per capirci) e presenta solo rare digressioni in altri stili, è insomma quasi sempre uguale in tutto l’album, il che mal si sposa con il genere sperimentale che la band vuole suonare. A fatica, ho provato ad isolare le musiche non prestando attenzione alla voce ed, indubbiamente, la considerazione verso questi musicisti e verso il loro lavoro è salita notevolmente! Ci vuole più coraggio, bisogna staccarsi dalle radici death e contaminare maggiormente, magari usando più spesso uno stile di canto differente, che siano clean vocals, screaming o addirittura cori in stile epico o lirico, ma questa via di mezzo, pur essendo abbondantemente sufficiente, grazie anche ad una certa originalità, non centra l’obiettivo, come invece meriterebbero le indubbie qualità nel songwriting.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Una raccolta del materiale 2013-2015 per i canadesi Human Compost
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Angerot ed il culto dell'Old School Swedish Death
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Discreto esordio per i greci Sense Of Fear
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Burden Of Grief: la formula perfetta per l'album perfetto
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Emerald Sun ed il loro piacevole power metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arkheth, un nome da tenere in considerazione per il futuro!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dagli States lo spietato Blackened Death dei Blood of the Wolf
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un post grunge/rock gotico e malinconico per i Thelema
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
SPLENDIDO DEBUTTO PER I MILANESI SLABBER!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un hard rock maturo, ben composto e suonato con i Rhino Proof
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tuffo negli Eighties con i Groupie High School
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla