A+ A A-
 

Debutto per gli italo-americani Antipathic Debutto per gli italo-americani Antipathic Nuovo

Debutto per gli italo-americani Antipathic

recensioni

titolo
Autonomous Mechanical Extermination
etichetta
autoprodotto
Anno

Line Up:
Tato - bass, vocals
Chris - guitars, drums

Tracklist:
1. Apparatus [01:25]
2. Molecular Deviations [01:54]
3. Autonomous Mechanical Extermination [03:11]

Running time: 06:30

opinioni autore

 
Debutto per gli italo-americani Antipathic 2017-06-19 17:44:49 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    19 Giugno, 2017
Ultimo aggiornamento: 19 Giugno, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cosa succede quando due musicisti che suonano Brutal Death Metal si uniscono e lavorano a distanza? Succede che nascono gruppi come gli Antipathic, duo formato dall'italiano Tato (Zora, Glacial Fear) e dall'americano Chris (Human Repugnance). I due artisti rilasciano così l'EP di debutto "Autonomous Mechanical Extermination", Brutal Death caratterizzato da parti estremamente veloci intervallate da passaggi Slam.

Sono solo tre i pezzi che compongono questo EP: oltre la title-track, che chiude il lavoro, abbiamo "Apparatus" e "Molecular Deviations". Nonostante l'esiguità di canzoni, è nettamente palese come sia Tato che Chris non siano propriamente gli ultimi venuti, anzi vantano una vasta esperienza. In sole 3 tracce, per un totale di 6 minuti e mezzo, i nostri riescono a mettere sul piatto tutto quanto promesso dalle info sheets, con "Apparatus" che è il classico pezzo Brutal sulla scia dei Disgorge (messicani), "Molecular Devastation" che si concede molti più momenti di Slam Brutal e "Autonomous Mechanical Extermination" che non solo fa coesistere i due stili, ma in cui è anche presente un certo flavour Blackned Thrash. Una menzione la merita anche la spettacolare copertina, opera dell'artista Dian Triatmoko.

"Autonomous Mechanical Extermination" è solo un piccolissimo antipasto, un rapido biglietto da visita per presentare questo nuovo progetto che, dopo l'uscita dell'EP in questione, ha firmato per l'italiana Despise the Sun Records, che si occuperà della release del debut album, si spera in tempi brevi. Per gli amanti di queste sonorità estreme, una band da seguire con particolare interesse.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Red Cain: un piccolo capolavoro canadese
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una pessima ristampa dai meandri della scena tedesca: "Mindwaves" degli Assorted Heap
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ristampa con bonus live per "Unholier than Thou" dei canadesi Infernäl Mäjesty
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ritorno dei Secret Sphere, molte luci e alcune ombre
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Gods of the Abyss": demo pre-"Afterburner" dei Sinister
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un ottimo antipasto in attesa del nuovo album dei Seven Thorns
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

demo

Debutto per gli italo-americani Antipathic
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il primo EP dei romani Asphaltator promette bene
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dante's Theory: una piacevole scoperta dalla lontana Asia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hypocras: Un ep con in mente gli Eluveite e...la musica dance
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Dimonra e la poliedricità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Chasing The Serpent devono scegliere una strada precisa
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla