A+ A A-
 

A cavallo tra il moderno Mathcore ed il classico Death/Grind: i romani Onryō A cavallo tra il moderno Mathcore ed il classico Death/Grind: i romani Onryō Hot

A cavallo tra il moderno Mathcore ed il classico Death/Grind: i romani Onryō

recensioni

gruppo
titolo
Mūto
etichetta
Everlasting Spew Records
Anno

Line Up:
Daniel Casari – vocals
Alessio Cattaneo – guitars
Edoardo Spadoni - guitars
Giulio Galati - drums

Tracklist:
1. Oni [01:45]
2. The Pyromaniac - Anarchogrind [02:59]
3. Humanphobia [04:27]
4. Sickness and Aluminium Foil Helmets [04:33]

Running time: 13:44

opinioni autore

 
A cavallo tra il moderno Mathcore ed il classico Death/Grind: i romani Onryō 2017-06-19 16:28:47 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    19 Giugno, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Secondo lavoro in studio per i romani Onryō, band formatasi grazie Daniel Casari (ancora oggi vocalist della band) e Deborah Pettine, cui si aggiunsero Alessio Cattaneo e Giulio Galati, batterista tra gli altri degli Hideous Divinity. Nel 2012 è uscito un primo demo di 3 pezzi, seguito a 5 anni di distanza da questo EP, "Mūto", in uscita domani per la Everlasting Spew Records. La proposta della band capitolina è un tecnicissimo Mathcore in cui forti sono le influenze del più ferale Grind made in U.S.A.

La cultura giapponese gioca un ruolo predominante nella sfera degli Onryō: basti pensare al nome, al titolo dell'EP, "Mūto"... ed alla traccia che apre questo disco, "Oni", in cui, in nemmeno due minuti, i nostri decidono di mettere da subito le cose in chiaro. "Nervoso" è probabilmente l'unico termine per descrivere il sound degli Onryō; ritmiche sincopate (con un Giulio Galati in grandissimo spolvero) ed un riffingwork che prende a piene mani gli insegnamenti di gruppi quali The Dillinger Escape Plan e Converge, senza però fossilizzarsi in un unico piano sonoro. Basta prendere ad esempio quella che è a mani basse la miglior canzone dell'EP, "Humanphobia", in cui il mix col Grind è reso decisamente al meglio. Tecnicamente ineccepibili, gli Onryō si avvalgono anche di una produzione ottima, con voce e strumenti perfettamente bilanciati senza il minimo errore.

Il Mathcore è un genere per cui non esistono mezze misure: o lo si ama o lo si odia. Il merito degli Onryō con questo loro "Mūto" è quello di rendere un genere ostico accessibile a più ascoltatori grazie alle forti influenze più "classiche". Un EP, dunque, che non lascerà scontenti molti, aiutato anche da una durata esigua (che è paradossalmente l'unico difetto imputabile a questo disco) che rende l'ascolto meno pesante a chi non è abituato a certe sonorità. Onryō promossi su tutta la linea insomma, ma non posso negarvi la curiosità di poterli ascoltare su una distanza maggiore.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Balfor, violenza fine a se stessa.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sinfonico, intellligente ed accattivante, questa è la nuova fatica di Zgard!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ristampa per il primo album dei canadesi Auroch
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stormhold dalla Svezia per un tuffo nel metallo più classico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un lavoro noioso quello dei finlandesi Devil Creations
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
PIU' OMBRE CHE LUCI PER I BLOODY TIMES!
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Female fronted melodic metal con i brasiliani Vienna
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla