A+ A A-
 

Hypocras: Un ep con in mente gli Eluveite e...la musica dance Hypocras: Un ep con in mente gli Eluveite e...la musica dance Hot

Hypocras: Un ep con in mente gli Eluveite e...la musica dance

recensioni

gruppo
titolo
Implosive
etichetta
Autoproduzione
Anno

 

01. Implosive Absolution

02. At The Edge

03. A Song For Them (Djizoes Cover)

04. At The Edge (Fucked Up Ibiza Viking Remix by BAK XIII)

 

opinioni autore

 
Hypocras: Un ep con in mente gli Eluveite e...la musica dance 2017-05-04 20:41:37 Gianni Izzo
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Gianni Izzo    04 Mag, 2017
Ultimo aggiornamento: 04 Mag, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un full-length ed un Ep alle spalle, gli Hypocras tornano in studio per registrare “Implosive”, secondo Ep della band elvetica, musicisti dediti all'extreme folk-metal influenzato in particolar modo dai ben più noti conterranei Eluveitie.
Ma gli Hypocras non hanno una strumentazione folkloristica suadente come quella degli Eluveitie, hanno un solo flauto, che nella sua semplicità, dà quel suo tocco folkeggiante ai brani, che invece si assestano su un serrato melodic death dai chiari riferimenti viking di scuola nordica.

La band però dimostra di saper virare anche verso lidi un po’ più modernisti, attingendo a certo hardcore vicino al sound degli Heaven Shall Burn. Insomma il prodotto non è male, i primi due brani scivolano via che è un piacere: potenti, veloci, graffianti, melodici ed ancestrali quanto basta.
Poi abbiamo una cover di tali Djizoes, altra band svizzera dedita però ad un alternative metal dai chiari rimandi americani. Ma i nostri fanno della canzone degli Djizoes un’altra buona folk-metal track, e non è male la trasformazione quasi radicale dall’originale.

A finire una traccia goliardica, il remix di “At The Edge”, in una versione che unisce il folk-metal all’industrial ed alla tecno-dance teutonica anni ’80 (lo so, fa rabbrividire, ma è così), o come ci scrivono gli Hypocras, siamo di fronte ad un: "Fucked up ibiza viking remix"
Insomma, un brano da prendere per quel che è, tra mille sinth e suoni elettronici. Una cosa che può far uscire degli eritemi non indifferenti ai metalheads più duri e puri, ma che in realtà rimane un simpatico divertissement.
Alla fin fine abbiamo un prodotto sufficiente, difficile andare oltre, anche perché ci sono solo due canzoni inedite su quattro, però il dischetto vale un ascolto, aspettando il prossimo full-lenght.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il secondo album del progetto solista di Filippo Tezza
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un concept album sulle piaghe alla base del secondo lavoro degli svedesi Mordenial
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Nights, buona la prima!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Prog/Thrash particolare quello degli italiani Anticlockwise
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hard Rock, Heavy melodico e tanta eleganza per i Mean Streak!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

demo

Snøgg - Qivitoq
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto per gli italo-americani Antipathic
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il primo EP dei romani Asphaltator promette bene
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dante's Theory: una piacevole scoperta dalla lontana Asia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hypocras: Un ep con in mente gli Eluveite e...la musica dance
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Dimonra e la poliedricità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla