A+ A A-
 

Terzo album che conferma tutta la classe e le ottime qualità dei Lucid Dream. Terzo album che conferma tutta la classe e le ottime qualità dei Lucid Dream. Hot

Terzo album che conferma tutta la classe e le ottime qualità dei Lucid Dream.

recensioni

titolo
Otherworldly
etichetta
Autoproduzione
Anno

Line up:

Simone Terigi – guitars, backing vocals

Alessio Calandriello – vocals

Gianluca Eroico – bass

 

Paolo Tixi – drums

Martina White – backing vocals

Andrea Cardinale – 1st violin

Sylvia Trabucco – 2nd violin

Sara Calabria - viola

 

Tracklist:

 

  1. 0
  2. Buried treasure
  3. The ring of power
  4. Everything dies
  5. The stonehunter
  6. A blanket of stars
  7. Magnitudes
  8. Broken mirror
  9. The theater of silence

opinioni autore

 
Terzo album che conferma tutta la classe e le ottime qualità dei Lucid Dream. 2016-12-30 19:59:12 Virgilio
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Virgilio    30 Dicembre, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Lucid Dream tornano a distanza di tre anni dall’ottimo “The Eleventh Illusion”, presentando il loro terzo full-length, intitolato “Otherworldly”. Si possono subito evidenziare alcuni aspetti che differenziano questo lavoro dal precedente: mentre, infatti, “The Eleventh Illusion” era un disco con diversi brani hard rock ma in generale un po’ più vario e orientato verso il prog, il nuovo album appare invece più omogeneo e tendenzialmente appunto più assestato su sonorità hard rock, mantenendo qualche influenza settantiana (soprattutto da parte dei Rainbow). Mettiamo subito in chiaro che anche “Otherworldly” è un buon disco con belle canzoni, però probabilmente risulta, a conti fatti, meno sorprendente e un po’ più prevedibile rispetto al suo predecessore. Non ci hanno poi particolarmente convinto i suoni della chitarra, poco incisivi (e forse persino talvolta alquanto “zanzarosi”) nelle parti più dure ma neppure abbastanza “settantiani” come dovrebbe essere se ci si volesse rifare apertamente a quelle sonorità: insomma, quasi una via di mezzo che non sempre valorizza adeguatamente l’eccellente performance di Simone Terigi. Al di là di queste osservazioni, “Otherworldly” presenta brani molto validi che confermano come i Lucid Dream sappiano realizzare musica di un certo livello: sorvolando sulla brevissima intro (il cui titolo è costituito da una formula matematica), il disco parte con canzoni molto dirette e coinvolgenti quali “Buried treasure”, “The ring of power” e “Everything dies”. La tracklist vede un piccolo calo d’ispirazione con “The stonehunter” e un’altra breve strumentale quale “A blanket of stars”, per poi ripartire alla grande con “Magnitudes” e “Broken mirror”, traccia che inizia come una ballata per poi andare in crescendo. In chiusura, un’altra strumentale, “The theater of silence”, è stavolta senz’altro più significativa rispetto alle precedenti e viene tra l’altro impreziosita dall’utilizzo di un terzetto di archi. I Lucid Dream dimostrano dunque ancora una volta di possedere grandi qualità, benché, in effetti, dopo “The Eleventh Illusion” ci saremmo aspettati un ulteriore salto di qualità che, a dire il vero, non sembra riscontrarsi in un disco comunque valido quale è “Otherworldly”.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Buone potenzialità nel debutto dei danesi Ironguard
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
X-Romance, hard rock melodico talmente ordinario da annoiare fin da subito.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Energia, sudore, dedizione sono gli ingredienti dell'ottimo hard rock dei 99 Crimes
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
March against the tides, un nuovo progetto dalla Norvegia
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
War Curse, thrash di buona fattura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Allagash, che peccato!
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Night Screamer hanno le carte in regola per migliorare
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lunghe tracce senza schemi precostituiti in questo secondo album dei Tanagra.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
BitchHammer thrash grezzo ed estremo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non convince l'EP di debutto degli svedesi Blutfeld
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla