A+ A A-
 

Etrusgrave: terzo capolavoro Etrusgrave: terzo capolavoro Hot

Etrusgrave: terzo capolavoro

recensioni

titolo
Aita's Sentence
etichetta
Minotauro Records
Anno

Line Up:

Tiziano "Hammerhead" Sbaragli - Voce

Fulberto Serena - Chitarra

Luigi Paoletti - Basso

Stefano Giuggioli - Batteria

 

1. Anxiety

2. Mammoth Trumphet

3. Festering Slash

4. North North West

5. Aita's Sentence

6. Coward

7. The Guardian

opinioni autore

 
Etrusgrave: terzo capolavoro 2016-07-07 19:27:33 Eugenio
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Eugenio    07 Luglio, 2016
Ultimo aggiornamento: 07 Luglio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Che cosa è l'epic metal? Difficile a dirsi, perchè ci sono differenze sostanziali tra i vari gruppi a livello prettamente musicale, per esempio cosa hanno in comune i Virgin Steele e gli Iron Sword? Poco o nulla a livello sonoro. Le cose che accomunano le band dedite all'epic metal sono le tematiche dove, non si parla di folletti o draghi o spade di smeraldo, ma bensì di storia, mitologia, eroi e dove la componente drammatica ha una parte elevatissima; l'ascoltatore viene portato nel campo di battaglia, dove troverà la vittoria o la più certa sconfitta.
In Italia abbiamo tantissime bands epic metal, tanto per citarne solo alcune andiamo dai più battaglieri Rosae Crucis o Holy Martyr o Wotan, passando dai più oscuri Martiria o Icy Steel, ai più tradizionali Battle Ram, ai progressivi Dark Quarterer o ai geniali Doomsword e mille altri.
Ma qui dobbiamo fare la recensione del nuovo album (il terzo) dei toscani Etrusgrave dal titolo "Aita's Sentence", ma prima un po' di storia: gli Etrusgrave nascono per volontà di Fulberto Serena, membro dei mitici Dark Quarterer dopo che si separa dalla band madre, come personaggio non credo che abbia bisogno di presentazioni, io lo considero alla pari di Paul Chain come importanza storica in ambito italiano.
Eccoci dunque all'ascolto di questo album, che ha la difficile missione di essere accostato ai precedenti "Master Of Fate" e "Tophet"; si parte subito con la complicata ma anche diretta Anxiety dove la band si dimostra subito in formissima, Tiziano "Hammerhead" Sbaragli riesce a fare di tutto con la sua mostruosa voce (se non li avete mai ascoltati, vi consiglio i suoi Angel Martyr), Fulberto è come sempre un maestro di potenza ed eleganza, e ottimo lavoro anche del bassista Luigi Paoletti e del giovanissimo batterista Stefano Giuggioli.
Si passa poi al secondo pezzo dal titolo Mammoth Trumphet, questa canzone ha bisogno di numerosi ascolti per poterla capire pienamente, ma anche questo è un capolavoro, ho avuto l'onore di sentirla in anteprima al concerto di gennaio di quest'anno dove i nostri aprivano per i tedeschi Grave Digger.
Festering Slash è, a mio avviso, il pezzo più complesso dell'album, tra cambi di tempo e di velocità, complimenti ragazzi.
North North West, invece, è il brano più corto (appena 3 minuti e 14 secondi ), che ti lascia riprendere fiato prima della seconda parte dell'album, rimanendo comunque una track fantastica.
Arriviamo alla titletrack, ed ecco il vero capolavoro, la voce di Tiziano mette i brividi, il lavoro di chitarra, basso e batteria è quanto di meglio si possa chiedere ad una band dedita al metallo epico di stampo classico e progressivo, nota bene: Aita è il dio dell'aldilà etrusco, è sempre presente l'amore per queste tematiche da parte della band, e ciò non può che farmi piacere.
Coward è più tipicamente metal in senso stretto, ma sempre con l'eleganza che contradistingue il gruppo di Piombino; i giochi si chiudono con The Guardian, con il suo ritmo cadenzato e sognante.
Lavoro eccezionale, complimenti ragazzi (mi ripeto), ho ricevuto il promo ma avevo già in ordine l'album che mi è arrivato oggi e non vedo l'ora di leggere i testi per capirli del tutto.
Disco che consiglio a tutti e spero di rivedere prestissimo il gruppo live!

Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

“Alien Doppelgänger”, il primo ottimo disco solista di Alex Mele
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dagli indonesiani Decayed Flesh un buon lavoro di Brutal Death di scuola US
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I francesi Lonewolf raggiungono il traguardo di dieci dischi in studio
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un disco con ombre e luci per i Just Before Dawn di Anders Biazzi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Proscription si candida ad essere la maggior sorpresa estrema del 2020
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Persino Umberto Eco trova un piccolo spazio nel terzo macigno degli Ossuary Anex
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Al netto di qualche difetto, incuriosisce l'EP d'esordio della one man band Walls of Hate
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Continua senza sosta la crescita degli Agony Face
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Angelic Desolation un EP fin troppo breve
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo lavoro di Winterblade dalle tinte Dark e Black.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalahari: Un buon mini concept tra mitologia e realtà
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album che sa il fatto suo quello dei russi Drops Of Heart
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla