A+ A A-
 

Mistur: A 7 anni dal debutto, torna a soffiare il vento gelido dei norvegesi Mistur: A 7 anni dal debutto, torna a soffiare il vento gelido dei norvegesi Hot

Mistur: A 7 anni dal debutto, torna a soffiare il vento gelido dei norvegesi

recensioni

gruppo
titolo
In Memoriam
etichetta
Dark Essence Records
Anno

 

01. Downfall

02. Distant Peaks

03. Firstborn Son

04. Matriarch’s Lament

05. The Sight

06. Tears Of Remembrance

opinioni autore

 
Mistur: A 7 anni dal debutto, torna a soffiare il vento gelido dei norvegesi 2016-07-04 21:37:50 Gianni Izzo
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Gianni Izzo    04 Luglio, 2016
Ultimo aggiornamento: 04 Luglio, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Norvegesi fino alle ossa, i Mistur sono stati messi su dal chitarrista Stian Bakketeig, che militò nei conterranei Windir del compianto Terje Bakken, in arte Valfar.
Dopo quel tragico e gelido inverno del 2004, quando Bakken venne trovato morto per ipotermia, Stian Bakketeig decise di formare i Mistur, il loro primo album venne pubblicato nel 2009, ed abbiamo dovuto aspettare ben 7 anni per arrivare a rivedere il marchio Mistur su un nuovo disco.

Se il pur ottimo debutto presentava un sound forse ancora troppo dipendente dal modus operandi dei Windir, “In Memoriam” lo potremmo considerare come l’album della definitiva maturazione, nel quale emerge tutta la personalità di una band di musicisti preparati ed ispirati.

Ovviamente il sound rimane fortemente ancorato alla più classica componente pagan black nordica, dove i blast beat dell’ottimo Myklebust e lo screaming di Ojen, si stemperanno soventi in passaggi solenni, folkloristici e classici, dominati da pianoforte, tastiere ed un sapiente uso delle clean vocals da parte del tastierista Espen, che si ritagliano un loro spazio ben preciso, quando non vanno a sorreggere sapientemente la componente più estrema del sound.

Tutti i brani (questa volta cantati completamente in inglese) hanno un minutaggio importante, contate che il platter dura quasi un’ora, è ovvio quindi che, affinché lo si goda appieno, e si riescano a carpire fino in fondo le diverse sfaccettature del sound di “In Memoriam”, ci vogliono diversi ascolti, ma ne vale la pena.

Tolta infatti l’insipida e ripetitiva “Firstborn Son”, il disco si presenta come un ottimo lavoro, dove la piacevole epicità gelida della martellante “Distant Peaks”, che segna il momento più black oriented del lotto, saprà subito ammaliarvi come un oscuro gioiello, ma è la triade finale a presentarsi come quella più interessante da tutti i punti di vista.

Gli archi e le note a cascata dei fraseggi pianistici dai toni malinconici si fanno più massicci, e fanno da contrappeso a riff che prendono ispirazione, non solo dal metal più estremo, ma anche dal thrash più tecnico e l’heavy più tagliente.

“Matriarch’s Lament” è l'esempio lampante di questo riuscito connubio, antitesi della più classica “Distant Peaks”, insieme anche a “Tears…”, è il brano più melodico ed accessibile del disco, ma allo stesso tempo presenta le soluzioni più riuscite e variegate del sound dei Mistur, e le sue azzeccate linee del canto in clean, assumono i toni di suadente e decadente poesia.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla