A+ A A-
 

E' grazie a band come gli Starblind che la fiamma dell'heavy metal non si spegnerà mai! E' grazie a band come gli Starblind che la fiamma dell'heavy metal non si spegnerà mai! Hot

E' grazie a band come gli Starblind che la fiamma dell'heavy metal non si spegnerà mai!

recensioni

gruppo
titolo
Dying Son
etichetta
Pure Steel Records
Anno

 

Song

 

1. A Dying Son

 

2. Blood Red Skies

 

3. Firestone

 

4. The Man Of The Crowd

 

5. The Lighthouse

 

6. Sacrifice

 

7. Room 101

 

8. The Land Of Seven Rivers Beyond the Sea

 

 

 

Band

 

Mike Stark – Vocals

 

Björn Rosenblad – Guitars

 

Johan Jonasson – Guitars

 

Daniel Tillberg – Bass

 

Zakarias Wikner – Drums

 

opinioni autore

 
E' grazie a band come gli Starblind che la fiamma dell'heavy metal non si spegnerà mai! 2016-01-21 12:20:16 Federico Orano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Federico Orano    21 Gennaio, 2016
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Purissimo heavy metal dalla Svezia con i Starblind. Il quintetto nordico mette sul piatto una dose massiccia di dedizione e di acciaio per 8 brani da ascoltare a volume alto!

“Dying son” è un lavoro compatto per tre quarti d'ora di buon heavy metal, non certo stellare, per niente originale ma come detto genuino rivolto a fans di Maiden e Saxon. La buona title track apre le danze che proseguono con la riuscitissima “Firestone” di chiara scuola NWOBHM. Chitarre taglienti e la voce adattissima di Mike Stark dominano brani come “The lighthouse” o “Sacrifice”. Insomma “Dying son” ha tutto per essere un must per ogni fans dell'heavy degli anni 80 ad iniziare dalla bella copertna.

E' grazie a band come gli Starblind che la fiamma dell'heavy metal non si spegnerà mai!

Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Red Cain: un piccolo capolavoro canadese
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una pessima ristampa dai meandri della scena tedesca: "Mindwaves" degli Assorted Heap
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ristampa con bonus live per "Unholier than Thou" dei canadesi Infernäl Mäjesty
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ritorno dei Secret Sphere, molte luci e alcune ombre
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Gods of the Abyss": demo pre-"Afterburner" dei Sinister
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un ottimo antipasto in attesa del nuovo album dei Seven Thorns
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

demo

Debutto per gli italo-americani Antipathic
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il primo EP dei romani Asphaltator promette bene
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dante's Theory: una piacevole scoperta dalla lontana Asia
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hypocras: Un ep con in mente gli Eluveite e...la musica dance
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Dimonra e la poliedricità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Chasing The Serpent devono scegliere una strada precisa
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla