A+ A A-
 

Fates Prophecy: defender, uniti! Fates Prophecy: defender, uniti! Hot

Fates Prophecy: defender, uniti!

recensioni

titolo
The Cradle Of Life
etichetta
Arthorium Records
Anno

Line up:

Leonardo Beteto: voce
Paulo Almeida: chitarra
Ivan Santos: chitarra
Rodrigo Brizzi: basso
Sandro Muniz: batteria

 

Trcklist:

01. 24/7 To Death
02. New Degeneration
03. Resurrection
04. A Prayer To The Sun
05. The Cradle Of Life
06. The Unbeliever
07. Primitive Man
08. Devil Is My Name
09. One Life
10. In Dark Places (bonus-track*)

opinioni autore

 
Fates Prophecy: defender, uniti! 2015-09-28 19:28:34 Eugenio
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Eugenio    28 Settembre, 2015
Ultimo aggiornamento: 29 Settembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Si fanno sempre piacevoli scoperte in Brasile per quanto riguarda l'heavy metal più classico; una di queste sorprese, almeno per me, sono questi Fates Prophecy.
Non avevo mai sentito parlare di questa band, mea culpa, anche perchè non sono per nulla dei novizi, anzi: la band si forma nel 1991, nel 1998 pubblica il primo album, e questo "The Cradle Of Life", CD uscito lo scorso anno ed oggetto della presente recensione, è già il loro quarto lavoro.
Per darvi due indicazioni, direi che i ragazzi si ispirano ai grandissimi dell'heavy metal (Iron Maiden e Saxon in primis), ma c'è anche una buone dose di US power metal, alla Metal Church o anche i primissimi Savatage.
La voce graffiante e sporca di Leonardo Beteto interpreta tutto l'album alla grande, con convinzione, sentimento e pura passione. Le chitarre sono sempre in prima linea, ma non tolgono per nulla aria al basso e alla batteria.
Si parte con "24-7 To Death", basta già il titolo per farci capire che qui si fa sul serio, niente fronzoli, solo sano heavy metal sputato adosso; "New Degeneration" è ancora meglio, molto coinvolgente e direttissima; impossibile non cantare o, almeno non alzare le corna al cielo, durante il ritornello di "Resurrection".
Più lenta è la successiva "A Prayer to the Sun" con un basso (finalmente una band che lo fa sentire!) in primissimo piano, poi poi aprirsi con un fantastico refrain.
Un intro orchestrale apre la titletrack "The Cradle of Life", finchè non sopraggiungono le chitarre, che fanno diventare il brano una bella power ballad elettrica, forse un pochino stiracchiata nella parte strumentale centrale, magari se si riduceva questa parte di un minuto il risultato finale poteva esser migliore.
"The Unbeliever" è una cavalcata siderurgica che non fa prigionieri e ha, come tradizione della band, un ritornello che farà la gioia di ogni defender più incallito; "Primitive Man" è la canzone con maggiore influenze US power, meno bella delle precedenti, ma sempre un buon pezzo.
"Devil Is My Name" è un po' più oscura, meno veloce ma molto ben interpretata, qui la band riesce ad essere anche teatrale; "One Life" è, invece, una semi ballad acustica, che ha molto dei Grave Digger.
Chiude il tutto "In Dark Places", buona cover del brano dei Crimson Glory.
Direi che questa band la consiglio a tutti, specialmente a chi dice: "quando le grosse band storiche non ci saranno più, chi porterà avanti il verbo del metallo?" Beh, chi ha di questi dubbi, magari ascoltando questo album una risposta la può trovare...

Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Una raccolta del materiale 2013-2015 per i canadesi Human Compost
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Angerot ed il culto dell'Old School Swedish Death
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Discreto esordio per i greci Sense Of Fear
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Burden Of Grief: la formula perfetta per l'album perfetto
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Emerald Sun ed il loro piacevole power metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arkheth, un nome da tenere in considerazione per il futuro!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dagli States lo spietato Blackened Death dei Blood of the Wolf
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un post grunge/rock gotico e malinconico per i Thelema
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
SPLENDIDO DEBUTTO PER I MILANESI SLABBER!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un hard rock maturo, ben composto e suonato con i Rhino Proof
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tuffo negli Eighties con i Groupie High School
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla