A+ A A-
 

Neverdream: un thriller in veste progressive Neverdream: un thriller in veste progressive Hot

Neverdream: un thriller in veste progressive

recensioni

titolo
The Circle
etichetta
Unsigned
Anno

Lineup:

Giogio Massimi - vocals

Fabrizio Dottori – sax & programming

Mauro Neri – keyboards

Giuseppe Marinelli – guitars

Andrea Terzulli – bass

Gabriele Palmieri – drums

 

Tracklist:

01. Intro

02. Requiem

03. A life beyond

04. Godless

05. Vesta

06. Hell’s flower

07. Mary Jane

08. The face of fear

09. Hypnosis

10. Di lei la morte

11. The actor of blood

12. Killer machine

 

Durata: 113’19

opinioni autore

 
Neverdream: un thriller in veste progressive 2014-09-22 22:13:12 Raffaele Acampa
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Raffaele Acampa    22 Settembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni


Progetto impegnativo questo The Circle dei Neverdream. Ciò che impera su tutto è la continua sperimentazione che si spinge in territori molto poco “commerciali”. Prog metal dalle tinte oscure ed evocative che sottolineano come la band sia alla continua ricerca di un valore artistico di un certo spessore, lontano dalle facili melodie che “lasciano il segno”. Sia chiaro, nulla che non sia stato già fatto (Ayreon e Nolan fanno scuola) ma la sperimentazione è il primo passo verso un metal di pregiata fattura che fa ben sperare in un mercato nuovo e lontano dai soliti cliché. Ma cosa in particolare fa di The Circle un lavoro di tutto rispetto? Innanzitutto, una voce teatrale che ci guida attraverso lo svolgersi di una storia intrisa di violenza, follia e l’affannosa ricerca di un detective ossessionato da un serial killer, una sezione ritmica che sorregge la struttura creando momenti di forte suspense e mettendo in mostra un certo tecnicismo, infine la presenza di voci femminili e inserti di sassofono che, insieme alle tastiere, sconfinano in territori seventies per poi subito rituffarsi nelle intricate trame che animano il lavoro. Stranamente nessuna label supporta questa interessante realtà italiana: il cd, autoprodotto, è disponibile in download gratuito insieme al libro da cui è stato tratto il concept, ma un simile capolavoro non può non essere presente nella collezione degli estimatori del genere.
Insomma, gli elementi che fanno di questo lavoro un’opera completa ci sono tutti, e poco importa se qualcuno storcerà il naso: la strada intrapresa dai Neverdream è coraggiosa e fuori dal coro, ma l’arte viene sempre premiata.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

The Treatment - rock'n'roll purissimo!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Poca originalità nella musica dei SEITA.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Burning Rain riescono a far suonare fresco un disco che più classico non si può
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Coinvolgente, fresco, frizzante: The End Machine
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un approccio old school e tanta violenza: la ricetta degli irlandesi Vircolac
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Quello degli Our Dying World è un EP giovane e "fresco".
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non Est Deus - There is no God
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppa carne al fuoco in un lavoro ancora acerbo per i Brutal Cancan
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto con i fiocchi per i canadesi Backstabber
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il primo lavoro dei tedeschi Invictus
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un debutto cazzuto per i veneti Kamion
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla