A+ A A-
 

Cyrax: tra genio e follia Cyrax: tra genio e follia Hot

Cyrax: tra genio e follia

recensioni

gruppo
titolo
Reflections
etichetta
Musea Records
Anno

Lineup:

Marco Cantoni – vocals

Antonio Rubuano – guitars

Paolo Musazzi – guitars, synth

Cesare Ferrari – bass

Paolo Biocchi – Drums

 

Tracklist:

01. Doom against true Hell

02. My kingdom for a horse

03. The moor of Venice

04. Fight

05. Thunderlight

06. Last call

07. Fell the essence of blues

 

Durata: 33’18

opinioni autore

 
Cyrax: tra genio e follia 2014-09-07 10:13:43 Raffaele Acampa
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Raffaele Acampa    07 Settembre, 2014
Ultimo aggiornamento: 07 Settembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mi trovo davanti ad un dubbio amletico: genialità o pura follia? Facendo scorrere il cd si ha come l’impressione che la band voglia giocare con la musica, ma l’attenzione viene subito richiamata da una ottima produzione ed una maturità artistica molto forte. Sotto contratto con la Musea, diventata ormai un must per l’underground progressive europeo, i Cyrax saltellano letteralmente da un genere all’altro con estrema facilità, senza mai perdere il filo logico della struttura e mantenendo una continuità armonica che garantisce un piacevole risultato all’ascolto. Reflections, primo lavoro ufficiale, dimostra di avere gusto e tecnica da vendere: l’ascoltatore sarà catturato dagli improvvisi cambi di sonorità che giocano un ruolo fondamentale e sono la base stilistica della band.
I cinque ragazzi non rinunciano proprio a nulla: sfidano il mercato con un prodotto complesso e per nulla commerciale ma dotato di carisma, personalità, e un groove di insieme ben strutturato. Il cd ha il giusto equilibrio ed ogni musicista si integra in modo perfetto con gli altri senza virtuosismi fini a se stessi. Mettici anche la comparsa qua e là di una voce lirica femminile, ed il gioco è fatto.
Volendo essere pignoli, qualche sbavatura da sistemare c’è ancora, ma sono piccolissimi dettagli quasi ”organici” per un primo lavoro di questa portata.
Ottimo debutto per gli italici Cyrax che entrano nel mercato discografico senza compromessi e dalla porta principale.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Wake the Nations: melodic hard rock moderno con poca personalità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Self Disgrace: una buona attitudine, ma qualcosa ancora da limare per il futuro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Classic hard rock capace di graffiare quello proposto dai Come Taste The Band
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hard rock sinfonico ed epico dall'Italia con i Vision Quest
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lost In Grey - symphonic metal con voce femminile e tanti elementi diversi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

C'è qualcosa da migliorare nel disco dei Fenrir
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thørn, blackened sludge in stile danese dal nord Italia!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i francesi Geostygma un debut EP di tutto rispetto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Big Bad Wolf e l'amore per i Motörhead
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Forlorn Seas esordiscono con un buon disco tra post prog e inserti atmosferici
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Punk Rock fin troppo scontato per i Daggerplay
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla