A+ A A-
 

Signori, ecco a voi il prog rock degli InnerShine Signori, ecco a voi il prog rock degli InnerShine Hot

Signori, ecco a voi il prog rock degli InnerShine

recensioni

titolo
Where The Spirit Wander
etichetta
Unsigned
Anno

Lineup:

Simone Ragni – vocals

Fabrizio Sgattoni – guitars, b.vocals

Damiano Fortuna – bass

Rossano Capriotti – keyboards

Federico Bruni – drums

  

Tracklist:

01. …to the end of reality

02. High on a desert plain

03. Divided in two

04. War to the war

05. Always late

06. Teenage whisper

 

Durata: 35’30

opinioni autore

 
Signori, ecco a voi il prog rock degli InnerShine 2014-07-12 14:36:48 Raffaele Acampa
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Raffaele Acampa    12 Luglio, 2014
Ultimo aggiornamento: 12 Luglio, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Where The Spirit Wander è uno di quei cd che viene apprezzato dopo diversi ascolti: primo lavoro degli InnerShine, è un gioiellino di rock progressive con una forte carica emotiva ed un sapore italico che delinea la forte identità della band. Sulla loro musica aleggia l’ombra di band come Toto e Pink Floyd, maestri di un certo calibro che hanno ispirato i cinque musicisti ad una composizione matura nonostante siano al first-act.
C’è buona musica, c’è feeling, c’è personalità, non manca alcun ingrediente che impedisca loro il salto di qualità fuori dell’underground. Notevoli gli intermezzi strumentali e gli assoli, ben congeniata la sezione ritmica, trascinanti voce e tastiere. Nulla risulta fuori posto, tutto è ben equilibrato e mette in luce le capacità dei musicisti.
Un cd consigliato a chi ha voglia di riassaporare un sound d’altri tempi ma suonato con un groove moderno. Prova superata per gli InnerShine.

Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Wake the Nations: melodic hard rock moderno con poca personalità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Self Disgrace: una buona attitudine, ma qualcosa ancora da limare per il futuro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Classic hard rock capace di graffiare quello proposto dai Come Taste The Band
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hard rock sinfonico ed epico dall'Italia con i Vision Quest
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lost In Grey - symphonic metal con voce femminile e tanti elementi diversi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

C'è qualcosa da migliorare nel disco dei Fenrir
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thørn, blackened sludge in stile danese dal nord Italia!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i francesi Geostygma un debut EP di tutto rispetto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Big Bad Wolf e l'amore per i Motörhead
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Forlorn Seas esordiscono con un buon disco tra post prog e inserti atmosferici
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Punk Rock fin troppo scontato per i Daggerplay
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla