A+ A A-
 

Ritorno convincente per i Crazy Rain! Ritorno convincente per i Crazy Rain! Hot

Ritorno convincente per i Crazy Rain!

recensioni

titolo
Life Illusion
etichetta
Red Cat Records
Anno

Tracklist:

1 Fallen Rain

2 2067 (Height the Light) 

3 Rise Again

4 The Twilight

5 Escape from Death

6 Life Illusion

7 Nobody Lies

8 Front the Door

9 Wait for Change 

10 After the Rain 

11 Time of Faith (bonus track)

 

Line-up:

Giacomo James Rain (Giacomo Gianfranchi) - vocals

Emi (Emiliano Galli) - lead guitar

Hell View (Elvio Pisani) - guitar

Caxixo (Simone Lavorini) - bass

Fedè (Federico Cecchini) - drums

 

opinioni autore

 
Ritorno convincente per i Crazy Rain! 2014-07-08 20:13:11 Pietro La Barbera
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Pietro La Barbera    08 Luglio, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Richiamare l'attenzione suonando Heavy Metal nei primi anni '90 era affare assai complicato nei paesi anglosassoni, figuriamoci per una band italiana! I Crazy Rain provengono proprio da quegli anni, periodo in cui imperversava un po' ovunque il fenomeno grunge; la band riuscì comunque a pubblicare due lavori, gettando poi la spugna a tempo indeterminato. Nati nel 1988, i Crazy Rain pubblicarono il loro esordio nel 1990: "Breeze Of The Wind", seguito nel 1994 dall'Lp "Scream And Shout", tornando di recente con una line-up rinnovata e la pubblicazione di questo "Life Illusion". Il background dei nostri è certamente un aspetto non secondario, emergendo in modo assolutamente convincente grazie a composizioni mature, arricchite da una preparazione tecnica di pregevole fattura. Risalta l'ottima interazione tra le due chitarre, capaci di offrire sempre delle tessiture coinvolgenti, sulle quali si esalta la bella voce, potente e melodica, di Giacomo Gianfranchi, spesso coadiuvato nei cori da voci femminili. L'opener "Fallen Rain" è già un ottimo biglietto da visita, proponendo atmosfere orientaleggianti cariche di potenza, dalle quali emerge prepotente l'influenza dei Queensrÿche; intensa la prova del singer, eccellente l'assolo di chitarra. Le ritmiche robuste e l'incedere altero spadroneggiano nelle successive: "2067 (Height The Light)" e "Rise Again", pezzi dotati di chorus di buon impatto e riff granitici. In "The Twilight" i Crazy Rain propongono una traccia dai tratti decisamente epici, impreziosita da una bella parte centrale strumentale con l'immancabile assolo. "Escape From Death" è un pezzo granitico, costruito su un riffone debitore dei Judas Priest; la successiva title-track alterna efficacemente intensi passaggi acustici a cavalcate scolpite nell'acciaio. "Nobody Lies" è un pezzo coinvolgente, grazie anche ad un chorus solenne e di buona presa. "Front The Door" mette in mostra il lato passionale della band, con una prestazione vocale superba da parte del bravissimo Gianfranchi; l'assolo di chitarra finale è semplicemente da brividi. "Wait For Change" è diretta ed incisiva, seguita dai lineamenti progressive della breve "After The Rain". L'ascolto si conclude con "Time Of The Faith", bonus track decisamente di alto livello, finale epico di un lavoro decisamente riuscito. Diciamolo subito: i Crazy Rain non inventano nulla, ma, "Life Illusion" è un album di Heavy Metal suonato con passione sincera e genuina. Voce e chitarre sono di alto livello, con una particolare menzione per il solismo adrenalinico e mai banale di Emiliano Galli; la rinnovata sezione ritmica si rivela decisamente all'altezza, con poche concessioni al virtuosismo, ma preferendo costruire un muro sonoro senza cedimenti. Un ritorno convinto che profuma di rivincita.

Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Aor purissimo per un tuffo negli anni 70 con Billy Sherwood
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quasi due decadi, con un breve EP tornano i padri del NY Hardcore: i Cro-Mags
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i baschi Hex un Doom/Death con poche accelerazioni ma dall'impatto decisamente buono
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai tedesco-olandesi Burial Remains un buon disco per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
i Diviner possono ancora migliorare
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

A distanza di tredici anni tornano i thrashers americani Motive
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda fatica per i lussemburghesi Feradur: un signor melodic death!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Panthematic, un calderone di inflenze ma un lavoro immaturo.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Ragnhild propongono un insolito Viking Metal made in India
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano feroci come bestie i canadesi Concrete Funeral
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Imago Imperii, una promettente band italiana
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla