A+ A A-
 

Anvil Therapy: l'Italia fa la differenza Anvil Therapy: l'Italia fa la differenza Hot

Anvil Therapy: l'Italia fa la differenza

recensioni

titolo
Away From Here
etichetta
Underground Symphony
Anno

Lineup:

Andrea Betulanti – vocals

Alessandro Berchicci Soave – guitars

Dario Calamai – keyboards

Stefano Filipponi – bass

Michel Agostini – drums

 

Tracklist:

01. Entrance

02. Inner secret

03. Coming home

04. Absence

05. Away from here

06. Far from reality

07. White cube

08. Queen of flowers

09. Final act

 

Durata: 53’55

opinioni autore

 
Anvil Therapy: l'Italia fa la differenza 2014-06-19 20:14:30 Raffaele Acampa
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Raffaele Acampa    19 Giugno, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni


Un bel cd di heavy prog, anche se non proprio recente, questo Away From Here degli Anvil Therapy: seguendo la scia di band come Fates Warning, Rush, Kansas e Shadow Gallery, senza dimenticare il meglio del prog metal degli anni ‘90, realizzano un piccolo gioiello di melodia, tecnica ed interessanti spunti compositivi. Il punto di forza del lavoro sta nel non aver puntato su un sound troppo moderno, andando invece a ripescare nelle radici del genere e rielaborandole secondo un ben definito gusto personale. Il cd scorre senza intoppi nonostante il genere non facilmente assimilabile: la prestazione tecnica è degna di nota, e i cinque musicisti dimostrano di avere talento e carisma, calibrando la propria performance al fine di raggiungere un risultato davvero notevole e ben equilibrato. Se proprio vogliamo trovare l’ago nel pagliaio, avrei migliorato la produzione, dando maggiore spinta ed impatto ad un comunque già ottimo lavoro per essere un cd di esordio. Ancora una volta l’Italia sforna musica di un certo livello, e questo ci piace! A quando il secondo atto?

Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Wake the Nations: melodic hard rock moderno con poca personalità
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Self Disgrace: una buona attitudine, ma qualcosa ancora da limare per il futuro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Classic hard rock capace di graffiare quello proposto dai Come Taste The Band
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hard rock sinfonico ed epico dall'Italia con i Vision Quest
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lost In Grey - symphonic metal con voce femminile e tanti elementi diversi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

C'è qualcosa da migliorare nel disco dei Fenrir
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Thørn, blackened sludge in stile danese dal nord Italia!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i francesi Geostygma un debut EP di tutto rispetto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Big Bad Wolf e l'amore per i Motörhead
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Forlorn Seas esordiscono con un buon disco tra post prog e inserti atmosferici
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Punk Rock fin troppo scontato per i Daggerplay
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla