A+ A A-
 

Bel debutto per i Fake Idols! Bel debutto per i Fake Idols! Hot

Bel debutto per i Fake Idols!

recensioni

titolo
Fake Idols
etichetta
Lifeforce Records
Anno

01. One Way Trip

02. My Hero (feat. Mia Coldheart of Crucified Barbara)

03. Switch

04. Push Me Down

05. When The Curtain Closes

06. Far From My Widow

07. No One

08. I Am Wrong

09. My Favourite Game (The Cardigans cover)

10. The Prankster

11. All My Memories

12. The Trap Of A Promise

 

Line-up:

Claudio Coassin - vocals (ex Raintime)
Enrico Fabris - drums (ex Raintime)
Ivan Odorico - guitars (ex Slowmotion Apocalypse/Raintime)
Cristian Tavano - guitars (ex Jar of Bones)
Ivo Boscariol - bass (ex Slowmotion Apocalypse)

opinioni autore

Voto medio dell'autore: 2 user(s)

voto 
 
3.8  (2)

 
Bel debutto per i Fake Idols! 2014-05-05 07:26:18 Celestial Dream
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Celestial Dream    05 Mag, 2014
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Fake Idols arrivano al debutto ma non sono dei giovani alle prima armi, tutt'altro. Questo è un esordio speciale e atteso da chi come il sottoscritto, segue e apprezza questi musicisti da diverso tempo quando ancora militavano nei Raintime, band capace di scrivere alcuni dischi di assoluto valore come "Tales from the sadness" e "Flies and lies". Dopo il coraggioso "Psychromantic" che segnava un certo cambio di stile, la band ha deciso di cambiare, forse conscia di aver ricevuto negli anni molto meno di quanto avrebbe meritato.

E così nascono i Fake Idols che si presentano ora (il disco esce in questi giorni) con un omonimo ed esplosivo album composto da 12 brani che formano un lavoro continuo, potente, compatto di puro Hard Rock con qualche influenza heavy metal, il tutto rivisto in una versione molto moderna anche per quanto riguarda i suoni scelti e l'impatto vocale di Claudio. Brani come "One way trip" e "Far from my widow" sono la testimonianza di questa nuova avventura musicale, e l'aggressiva "My hero" vede come ospite la bella singer Mia Coldheart dei Crucified Barbara. Le songs via via convincono sempre più ascolto dopo ascolto, per un disco che va gustato nella sua completezza.

Un debutto davvero notevole che vi farà canticchiare ed agitare la testa; "Fake Idols" è solo l'inizio di questa nuova avventura per questi musicisti che in futuro, son sicuro, sapranno regalarci altri dischi di valore. L'augurio per loro, è che finalmente trovino la meritata attenzione. Una bomba sonora pronta ad esplodere nelle vostre orecchie.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Bel debutto per i Fake Idols! 2014-03-27 13:40:51 Roberto Orano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Roberto Orano    27 Marzo, 2014
Ultimo aggiornamento: 27 Marzo, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un buon debutto quello dei Fake Idols, band nostrana che nasce dalle ceneri di bands del calibro degli ex-power deathsters Raintime (quanto li ho amati!) e dei deathcorer Slowmotion Apocalypse.
L'omonimo disco sin dalle prime battute presenta un genere decisamente distante da quanto visto fino ad oggi dalle bands sopracitate, un heavy metal che però non sa affatto di vissuto, un sound fresco farcito da ritmiche potenti, che talvolta sfiorano l'aggressività, con un ottimo senso per la melodia, refrain di facile ascolto e ritmi incalzanti, il tutto supportato da una voce che non si precipita verso acuti stravaganti o altre soluzioni stravaganti a cui altre bands talvolta ci abituano, inoltre, a chiudere il cerchio, i buonissimi assoli. Questa la ricetta vincente dei Fake Idols, un platter che rimanda anche verso l'hard rock/heavy del nord Europa.
Concludendo brevemente, un disco piacevole, di facile ascolto, adatto un po' a tutti, divertente e fresco e sono sicuro che dal vivo queste tracce potranno dare ancora di più!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Damnation Gallery: l'inferno può attendere.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Synthetic: un mix di varie sonorità che potrebbe colpire più di qualche ascoltatore!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un "Best of" per ripercorrere la carriera di Mark Boals con le sue band
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con questo quarto album i Marche Funèbre mostrano una crescita esponenziale
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un altro ritorno a lungo atteso con gli olandesi Arsebreed
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un debut album non propriamente per tutti quello dei Greybeard
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un po' troppi generi e sottogeneri convivono nel sound del debut album degli Aal
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ai Memoremains serve una chitarra più protagonista
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Prodotti del genere lasciano il tempo che trovano: tornano i Tension Rising!
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Nyxem propongono un album interamente realizzato con sintetizzatori e suoni campionati
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Winter Nights: Un melodic death poco melodic e tanto death
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla